NON LASCIARTELA SFUGGIRE!

La newsletter HELLA offre gratuitamente informazioni su tutte le novità HELLA TECH WORLD con cadenza bimensile

Resta sintonizzato!

Mostra altre informazioni sulla nostra newsletter Nascondi altre informazioni sulla nostra newsletter
 

La newsletter gratuita HELLA offre informazioni su tutte le novità HELLA TECH WORLD con cadenza bisettimanale, quali:

  • Nuove istruzioni di riparazione specifiche per i veicoli
  • Informazioni tecniche, dalle nozioni basilari ai suggerimenti diagnostici
  • Novità di prodotto
  • Campagne di marketing e concorsi

A tal proposito occorre indicare solo l'indirizzo e-mail. Per annullare l'iscrizione alla newsletter, clicca qui.

UGELLO DI INIEZIONE / INIETTORE

Qui troverete informazioni di base utili e suggerimenti importanti sul tema degli ugelli o degli iniettori nei veicoli.

Gli iniettori erogano ad ogni cilindro il carburante necessario e provvedono anche a polverizzarlo per poter bruciare correttamente nella camera di combustione. Consultate la pagina per ottenere informazioni sul funzionamento degli iniettori e sui possibili sintomi di guasto. Inoltre qui troverete suggerimenti preziosi per la ricerca guasti degli iniettori, sia con motore in funzione sia spento.

Avvertenza di sicurezza importante
Le informazioni tecniche e i suggerimenti pratici riportati di seguito sono stati redatti da HELLA per fornire un supporto professionale alle attività svolte in officina. I dati forniti su questo sito Web devono essere utilizzati esclusivamente da personale tecnico specializzato.

 

FUNZIONAMENTO UGELLI DI INIEZIONE: PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO

Gli iniettori hanno il compito di iniettare l'esatta quantità di carburante calcolata dalla centralina ad ogni condizione operativa del motore. Per garantire una buona polverizzazione del carburante con perdite ridotte di condensa occorre rispettare una determinata distanza e un angolo di iniezione specifici del motore.

 

Gli iniettori vengono azionati elettromagneticamente. La centralina calcola e gestisce gli impulsi elettrici per l'apertura e la chiusura degli iniettori in base ai dati attuali del sensore delle condizioni operative del motore. Gli iniettori sono costituiti da un apposito corpo, in cui sono alloggiati un avvolgimento del magnete e una guida per l'ago dell'ugello e da un ago dell'ugello con armatura magnetica. Se la centralina alimenta l'avvolgimento del magnete con tensione, l'ago lascia la propria sede per praticare un foro di precisione. Non appena termina l'alimentazione della tensione, l'ago torna in posizione spinto da una molla chiudendo così il foro.

 

La portata con un iniettore aperto è ben definita dal foro di precisione. Per iniettare la quantità di carburante calcolata per le condizioni operative, la centralina calcola il tempo di apertura dell'iniettore rispetto alla portata. In questo modo si garantisce sempre l'iniezione della quantità corretta di carburante. La struttura della sede dell'iniettore e il foro di precisione consentono di ottenere una polverizzazione ottimale del carburante.

UGELLO DI INIEZIONE DIFETTOSO: SINTOMI

Un iniettore difettoso o non correttamente funzionante può causare i seguenti sintomi di guasto:

  • Problemi di avviamento
  • Aumento del consumo di carburante
  • Perdita di potenza
  • Minimo oscillante
  • Cattivo comportamento dei gas di scarico (es. valori AU)

 

Possibili danni conseguenti:

  • Riduzione della vita utile del motore
  • Danni al catalizzatore, filtro antiparticolato

CAUSE DI UGELLI DI INIEZIONE DIFETTOSI: CAUSA DEL GUASTO

POSSIBILI CAUSE DI UN DIFETTO O DI UN FUNZIONAMENTO LIMITATO:

  • un filtro a rete dell'iniettore intasato da carburante imbrattato
  • una chiusura difettosa della valvola ad ago dovuta a impurità minuscole dall'interno, a residui di combustione dall'esterno, a depositi di additivi
  • un foro di scarico ostruito, chiuso
  • un cortocircuito nella bobina
  • un'interruzione del cavo della centralina

CONTROLLO DEGLI UGELLI DI INIEZIONE: RICERCA GUASTI

La ricerca guasti può essere eseguita con motore in funzione o fermo.

Ricerca guasti con motore in funzione

Confronto della quantità iniettata di carburante

La combinazione della misurazione comparativa dei cilindri e di quella dei gas di scarico consente di confrontare la quantità iniettata di carburante con i valori HC e CO dei singoli cilindri in occasione della riduzione del numero di giri. In caso positivo i valori sono uguali in tutti i cilindri, in caso di valori fortemente discordanti viene probabilmente iniettata una quantità esigua di carburante (carburante molto incombusto = valori HC e CO elevati, carburante poco incombusto = valori HC e CO minimi). La causa è riconducibile a un iniettore difettoso.

Rilevamento e confronto della tensione e della durata di impulso

L'oscilloscopio consente di visualizzare il segnale di iniezione. A tal proposito il cavo di misurazione viene collegato a quello di segnale, l'altro cavo a un punto di massa idoneo. Con motore in funzione è possibile rilevare sul segnale la tensione e la durata di impulso (tempo di apertura). Aprendo la valvola a farfalla, la durata di impulso deve aumentare durante la fase di accelerazione e diminuire nuovamente al di sopra o appena al di sotto del valore del minimo a una velocità costante (circa 3000 giri/min). I risultati dei singoli cilindri possono essere confrontati tra loro ottenendo così un'eventuale risposta ai possibili guasti, ad es. cattiva alimentazione di tensione.

Misurazione della pressione del carburante e controllo della tenuta dell'impianto di aspirazione e dei gas di scarico

Ulteriori controlli importanti sono la misurazione della pressione del carburante per riconoscere altri possibili componenti difettosi (pompa carburante, filtro carburante, regolatore di pressione) e il controllo della tenuta dell'impianto di aspirazione e dei gas di scarico per prevenire l'alterazione dei risultati di misurazione. Se il sensore è dotato di un connettore a 2 poli, si tratta principalmente di un sensore induttivo. Qui è possibile rilevare la resistenza interna, un eventuale cortocircuito verso massa e il segnale.

 

A tal proposito si rimuove il collegamento a spina e si controlla la resistenza interna del sensore. Se il valore rientra tra 200 e 1.000 Ohm (in base al valore nominale), il sensore è regolare. Con un valore pari a 0 Ohm si verifica un cortocircuito mentre pari a M Ohm un'interruzione. Il cortocircuito verso massa viene controllato con l'ohmmetro da un pin di collegamento alla massa del veicolo. Il valore della resistenza deve tendere all'infinito. Il controllo con un oscilloscopio deve restituire un segnale sinusoidale di intensità sufficiente. Con un sensore Hall occorre controllare solo la tensione di segnale sotto forma di onda quadra e la tensione di alimentazione. In base al regime del motore deve risultare un'onda quadra. Giusto un promemoria: l'impiego di un ohmmetro può danneggiare il sensore Hall.

Ricerca guasti con motore spento / accensione

Controllo della continuità del cavo di collegamento

Controllo della continuità dei cavi di collegamento tra gli iniettori e la centralina (schema elettrico necessario per la disposizione contatti). Per eseguire la misurazione scollegare il connettore della centralina e controllare i singoli cavi dai connettori degli iniettori alla centralina. Valore nominale: circa 0 Ohm.

Controllo di un cortocircuito verso massa del cavo di collegamento

Controllo di un cortocircuito verso massa del cavo di collegamento tra gli iniettori e la centralina. Scollegare il connettore della centralina per misurare i cavi dai connettori degli iniettori alla centralina verso massa del veicolo.

Controllo della continuità delle bobine degli iniettori

Controllare la continuità delle bobine degli iniettori. A tal proposito collegare l'ohmmetro tra i due pin di collegamento. Valore nominale: circa 15 Ohm (rispettare le prescrizioni del costruttore).

Controllo di un cortocircuito verso massa delle bobine degli iniettori

Controllare un cortocircuito verso massa delle bobine degli iniettori. A tal proposito controllare la continuità di ogni singolo pin di collegamento verso l'alloggiamento dell'iniettore. Valore nominale: >30 MOhm.

Su un banco di prova fisso è possibile testare l'iniezione degli ugelli in condizioni di smontaggio. In base al costruttore degli apparecchi, esiste anche la possibilità di pulire gli iniettori.