NON LASCIARTELA SFUGGIRE!

La newsletter HELLA offre gratuitamente informazioni su tutte le novità HELLA TECH WORLD con cadenza bimensile

Resta sintonizzato!
Mostra altre informazioni sulla nostra newsletter Nascondi altre informazioni sulla nostra newsletter
 

La newsletter gratuita HELLA offre informazioni su tutte le novità HELLA TECH WORLD con cadenza bisettimanale, quali:

  • Nuove istruzioni di riparazione specifiche per i veicoli
  • Informazioni tecniche, dalle nozioni basilari ai suggerimenti diagnostici
  • Novità di prodotto
  • Campagne di marketing e concorsi

A tal proposito occorre indicare solo l'indirizzo e-mail. Per annullare l'iscrizione alla newsletter, clicca qui.

Condensa e umidità nei fanali del veicolo

Qui troverete informazioni preziose e suggerimenti utili sul tema dell'umidità nel proiettore e nei fanali del veicolo.

I proiettori e i fanali del veicolo appannati dall'interno vengono per lo più percepiti dai conducenti come difettosi. In alcuni casi, tale fenomeno è condizionato da fattori fisici. Questa pagina vi fornisce un chiarimento a tal proposito. Inoltre qui scoprirete la procedura da osservare in caso di accumulo di acqua nel proiettore o in un fanale. Istruzioni passo dopo passo per la sostituzione dei fanali difettosi forniscono inoltre preziosi suggerimenti pratici.

Avvertenza importante sulla sicurezza
Le informazioni tecniche e i suggerimenti pratici riportati di seguito sono stati redatti da HELLA per fornire un supporto professionale alle attività svolte in officina. I dati forniti su questo sito Web devono essere utilizzati esclusivamente da personale tecnico specializzato.

 

INFLUSSO DELL'UMIDITÀ SUI SISTEMI DI ILLUMINAZIONE: PRINCIPI DI BASE

Nel caso in cui penetri umidità all'interno di un sistema di luci, la limitazione percepita dal cliente in relazione alla distribuzione della luce o alla potenza luminosa rappresenta solo l'effetto evidente. In molti casi, la corrosione dovuta all'umidità è il problema da prendere più sul serio. Mentre un appannamento eccessivo di proiettori e fanali è rapidamente riconoscibile, la corrosione lavora dietro le quinte. Solo durante la diagnosi, ad es. in caso di guasto di una funzione di illuminazione, emerge la vera entità della "distruzione". Connettori corrosi, contatti crimpati ossidati e portalampade completamente rovinati sono solo alcuni esempi. Rispetto ai veicoli industriali e alle autovetture, su autocaravan e camper questo tema è ancora più sentito. Qui l'infiltrazione di umidità non solo provoca danni al fanale e al relativo cablaggio, ma si può espandere anche nell'isolamento della sovrastruttura, con conseguente rischio di formazione di muffa.

 

Basandosi sull'esempio dei diversi fanali di un autocaravan vengono esaminati i punti principali per effettuare una riparazione a regola d'arte.

 

Per prima cosa un paio di fondamenti di fisica in relazione all'umidità nei sistemi di illuminazione. Questi possono essere sfruttati come informazioni di base durante il colloquio con il cliente.

Appannamento dei fanali

Se viene segnalato questo problema, potrebbe non trattarsi obbligatoriamente di un guasto. Se il trasparente è appannato, la superficie di uscita luminosa dovrebbe asciugarsi, con lampadina accesa, entro un determinato periodo di tempo. La durata di questo processo, tuttavia, può variare a seconda della temperatura ambiente e dell'umidità relativa dell'aria. Secondo le leggi della fisica questo processo è normale e non comporta rischi dal punto di vista tecnico, in quanto il riflettore è protetto dagli influssi della condensa.

 

Accendendo la lampadina si riscalda l'aria all'interno del fanale. Grazie alla ventilazione del fanale posteriore, l'aria calda espansa e secca viene rimossa dalla carcassa del fanale. Dopo aver spento la lampadina, l'aria all'interno del fanale posteriore si raffredda lentamente. In questo modo, dall'esterno, viene "aspirata" all'interno del fanale l'aria carica di umidità. In queste condizioni, l'alta umidità dell'aria e le elevate differenze di temperatura all'interno del fanale possono formare della condensa sul lato interno del trasparente. Questa situazione si verifica principalmente nei periodi freddi dell'anno e in condizioni atmosferiche di forte umidità. Se l'appannamento è talmente intenso da generare goccioline d'acqua sul trasparente (vedere fig. 1) o, addirittura, un accumulo di acqua nella zona inferiore del fanale (vedere fig. 2), controllare se la guarnizione è danneggiata ed eventualmente sostituirla.

 

Si deve anche controllare la presenza di un eventuale "intasamento" nelle aperture di sfiato del fanale. Per asciugare il fanale è possibile soffiare al suo interno dell'aria compressa priva di oli. Se nonostante tutto continua a raccogliersi dell'acqua, sostituire il fanale.

Effetto capillare

Un tema poco noto è l'effetto capillare nei fanali. Spesso questo fenomeno è responsabile della penetrazione e dell'accumulo dell'acqua nel fanale. L'effetto capillare descrive la proprietà dei liquidi di propagarsi in tubi stretti o incrinature con forza diversa.

 

In un cavo elettrico l'effetto capillare consiste nell'attrazione tra le molecole dell'acqua e le molecole della guaina del cavo. Più un capillare (capillare = cavità stretta) è stretto, maggiore è la forza di questa attrazione. Affinché l'effetto capillare si verifichi, l'acqua deve penetrare nel cavo. In questi casi spesso la causa è da ricondursi a un connettore non a tenuta stagna. I connettori faston semplici, le connessioni a perforazione d'isolante, ecc. non offrono al cavo una protezione sufficiente dall'umidità. L'acqua può penetrare nel cavo passando attraverso la zona non isolata o mal isolata del cavo giungendo sotto la guaina (isolamento) (vedere fig. 3).

 

A causa dell'effetto capillare nel cavo, l'umidità raggiunge il fanale passando tra i fili di rame e la guaina del cavo.

 

Per questo si devono sempre utilizzare connettori e cavi di collegamento a tenuta stagna, come ad es. i connettori Superseal (vedere fig. 4).

RICERCA DEI GUASTI SU SISTEMI DI ILLUMINAZIONE APPANNATI: RICERCA GUASTI

Se un conducente segnala un forte appannamento sul dispositivo di illuminazione del suo veicolo, questo può avere diverse cause. Per riconoscere con rapidità e sicurezza i guasti è quindi indispensabile una procedura sistematica. L'albero della ricerca guasti (vedere il grafico) riporta i passi di controllo essenziali.

Condensa nei fanali: ricerca guasti

RIPARAZIONE DELLA LUCE STOP: ISTRUZIONE

Il guasto di una funzione di illuminazione è spesso motivo di una visita in officina.

 

Nel caso qui descritto la luce stop sinistra e una luce side-marker sono guaste. Smontando le luci diventa subito evidente la causa del guasto. Il fanale posteriore non è dotato di una guarnizione verso la sovrastruttura in plastica, quindi sporcizia e acqua possono penetrare indisturbate nel fanale (vedere fig. 5 e 6). Il portalampade, gli zoccoli delle lampadine e i contatti crimpati sono talmente corrosi, che li si deve sostituire completamente. Inoltre anche il passaggio cavi dentro la sovrastruttura non è sigillato, tanto che anche lì l'infiltrazione di acqua ha lasciato tracce evidenti.

 

Per eseguire riparazioni a regola d'arte è quindi necessario una certa gamma di materiale d'installazione. Nella figura 7 si vede una selezione.

Taglio dei contatti crimpati corrosi dai cavi

Tagliare i contatti crimpati corrosi dai cavi e smontare il portalampade dal fanale.

Raggruppamento dei cavi

Inserire sul cavo un tubetto termorestringente adatto (attenzione al diametro) nella zona del passaggio cavi e scaldarlo con un riscaldatore ad aria calda fino a quando non si stringe attorno ai cavi.

Selezione del tappo adatto e applicazione al centro di un foro

Diversi costruttori di caravan e camper realizzano il passaggio cavi effettuando un foro. Se questo non dovesse essere sigillato, per tale scopo sono adatti i tappi in gomma. Questi vengono offerti in diverse dimensioni all'interno di confezioni assortite e sono utilizzabili in molti modi. Scegliere il tappo adatto e applicarlo al centro di un foro. Il diametro deve essere leggermente più piccolo del diametro del cavo con il tubetto termorestringente. In questo modo si garantisce che dopo il montaggio l'acqua non possa raggiungere l'abitacolo passando tra il tubetto termorestringente e il tappo.

Spellatura delle estremità dei cavi

Spellare le estremità del cavo per circa 10 mm e dotarle di contatti a crimpare, ad es. cod. HELLA 8KW 732 567-003. Infine con un riscaldatore ad aria calda scaldare le guaine termorestringenti dei contatti a crimpare fino a quando non si stringono attorno al cavo.

Inserimento del tappo in gomma nel foro

Adesione delle strisce di gommaspugna sulla superficie di contatto

Affinché acqua e sporcizia non possano più penetrare come prima dietro il fanale, si consiglia l'uso di sottili strisce di gommaspugna. Queste sono disponibili in moltissime varianti di spessore e larghezza. È importante che su uno dei lati vi sia uno strato di collante. Incollare le strisce di gommaspugna tutto attorno alla superficie di contatto del fanale. Lasciare libero solo un tratto di circa 1 cm sul bordo inferiore, in modo che l'acqua di condensa ecc. possa defluire.

Montaggio delle lampadine sul portalampade

Montare le lampadine sul portalampade e innestare i contatti crimpati.

Rimozione delle impurità dal fanale con aria

Soffiare via le impurità dal fanale con dell'aria compressa priva di olio.

Montaggio del portalampade sul fanale

Montare il portalampade sul fanale, infine fissare nuovamente quest'ultimo sulla sovrastruttura.

RIPARAZIONE DELLA LUCE SIDE-MARKER: ISTRUZIONE

Dopo lo smontaggio la luce side-marker presenta gli stessi problemi. In passato in quel punto è stata applicata una generosa quantità di sigillante per evitare la penetrazione dell'umidità (vedere fig. 8). Sfortunatamente questo provvedimento non ha risolto il problema.

 

I contatti crimpati sono completamente ossidati e questo ha portato al guasto della luce.

 

In generale le luci a incasso a lampadine non devono mai essere montate o sigillate con una pasta sigillante o con un collante. In caso di guasto alla lampadina, lo smontaggio della luce sarebbe molto difficile o addirittura impossibile. In tali casi è possibile soltanto un "risanamento completo"!

Pulizia della superficie di appoggio

Rimuovere la pasta sigillante dalla superficie di appoggio con un detergente adatto.

Taglio dei vecchi contatti crimpati

Spellare le estremità del cavo per circa 10 mm e dotarle di contatti a crimpare, ad es. cod. HELLA 8KW 732 567-003. Infine con un riscaldatore ad aria calda scaldare le guaine termorestringenti dei contatti a crimpare fino a quando non si stringono attorno al cavo

Pulizia dei contatti sull'attacco della lampada ed eventuale sostituzione

Questa luce side-marker è non dotata di una guarnizione in gomma verso la sovrastruttura in plastica. Vi è quindi il pericolo che l'acqua trovi un percorso tra la sovrastruttura e la carcassa della luce. Questo processo viene aiutato anche dalla ventilazione dinamica. Per le luci a incasso con un attacco della lampada rotondo è quindi utile usare degli O-ring come guarnizioni. Se non avete a disposizione O-ring adatti, potete utilizzare quelli del vostro assortimento per i sistemi di climatizzazione. Spingere l'O-ring fino alla piastra base del fanale.

 

Attenzione! L'O-ring non deve essere troppo spesso. Dopo il montaggio il fanale deve poggiare a filo sulla sovrastruttura.

Fissaggio dell'attacco della lampada nel fanale

Inserimento dei contatti crimpati nell'attacco della lampada

Inserire i contatti crimpati nell'attacco della lampada e fissare nuovamente il fanale sulla sovrastruttura.

Riepilogo

Se i sistemi di illuminazione vengono montati o riparati con le conoscenze e i materiali corretti, gli effetti dell'umidità possono essere ridotti al minimo possibile dovuto alle leggi fisiche. Questo vale sia per la maggior parte delle luci a LED sia per le luci dotate di lampadine convenzionali.