NON LASCIARTELA SFUGGIRE!

La newsletter HELLA offre gratuitamente informazioni su tutte le novità HELLA TECH WORLD con cadenza bimensile

Resta sintonizzato!
Mostra altre informazioni sulla nostra newsletter Nascondi altre informazioni sulla nostra newsletter
 

La newsletter gratuita HELLA offre informazioni su tutte le novità HELLA TECH WORLD con cadenza bisettimanale, quali:

  • Nuove istruzioni di riparazione specifiche per i veicoli
  • Informazioni tecniche, dalle nozioni basilari ai suggerimenti diagnostici
  • Novità di prodotto
  • Campagne di marketing e concorsi

A tal proposito occorre indicare solo l'indirizzo e-mail. Per annullare l'iscrizione alla newsletter, clicca qui.

Sensore temperatura aria aspirata (IAT)

Qui troverete informazioni di base utili e suggerimenti importanti sul tema del sensore temperatura aria aspirata nei veicoli.

Sebbene passi inosservato, svolge una funzione importante: il sensore temperatura aria aspirata fornisce alla centralina del motore una grandezza misurabile importante per la correzione della composizione della miscela e dell'accensione. Questa pagina vi illustra il principio di funzionamento del sensore temperatura aria aspirata, gli effetti delle anomalie e le possibili cause del guasto. Inoltre qui troverete istruzioni passo passo per il controllo del sensore.

Importante avviso di sicurezza
Le informazioni tecniche e i suggerimenti pratici riportati di seguito sono stati redatti da HELLA per fornire un supporto professionale alle attività svolte dalle autofficine. I dati forniti su questo sito Web devono essere utilizzati esclusivamente da personale tecnico specializzato.

 

FUNZIONAMENTO SENSORE TEMPERATURA ARIA ASPIRATA (IAT): PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO

Il sensore temperatura aria aspirata determina la temperatura nel condotto di aspirazione e invia alla centralina i segnali di tensione generati dalla temperatura presente. La centralina valuta i segnali e influisce sulla composizione della miscela e sull'angolo di accensione.

 

La resistenza del sensore temperatura varia in base alla temperatura dell'aria aspirata. La resistenza diminuisce all'aumentare della temperatura, riducendo quindi la tensione del sensore. La centralina valuta i valori di tensione, poiché sono direttamente collegati alla temperatura dell'aria aspirata (basse temperature restituiscono valori di tensione elevati mentre quelle elevate restituiscono valori di tensione inferiori sul sensore).

SENSORE TEMPERATURA ARIA ASPIRATA DIFETTOSO: SINTOMI

Un sensore temperatura aria aspirata difettoso è rilevabile con il riconoscimento dei guasti della centralina e della strategia di emergenza risultante.

 

I sintomi frequenti del guasto sono:

  • Memorizzazione di un codice di guasto ed eventuale accensione della spia motore
  • Problemi di avviamento
  • Riduzione dell potenza del motore
  • Aumento del consumo di carburante

SENSORE TEMPERATURA ARIA ASPIRATA DIFETTOSO: CAUSE: CAUSA DEL GUASTO

I guasti possono essere dovuti a diverse cause:

  • Corto circuiti interni
  • Interruzioni del cavo
  • Corto circuito del cavo
  • Danni meccanici
  • Punta del sensore imbrattata

CONTROLLO DEL SENSORE TEMPERATURA ARIA ASPIRATA: RICERCA GUASTI

RICERCA GUASTI:

  • Lettura della memoria guasti ✓
  • Controllo della corretta connessione, dell'eventuale rottura e corrosione dei collegamenti elettrici dei cavi del sensore, del connettore e del sensore ✓

Il controllo viene eseguito con il multimetro

Fase 1

Viene rilevata la resistenza interna del sensore. La resistenza dipende dalla temperatura, a motore freddo ad alta impedenza, a motore caldo a bassa impedenza.

 

In base al costruttore:
25 °C 2,0 – 6 KOhm o 80 °C circa 300 Ohm
Osservare le indicazioni speciali sui valori nominali.

Fase 2

Controllare il cablaggio della centralina verificando la continuità o il cortocircuito verso massa di ogni singolo cavo del connettore della centralina.

 

  1. Collegare l'ohmmetro tra il connettore del sensore di temperatura e il connettore della centralina scollegato. Valore nominale: circa 0 Ohm (schema elettrico necessario per l'assegnazione pin sulla centralina).
  2. Controllare il pin corrispondente del connettore del sensore con l'ohmmetro e il connettore della centralina scollegato verso massa. Valore nominale: >30 MOhm.

Fase 3

Controllare la tensione di alimentazione del connettore del sensore scollegato con il voltmetro. Tale condizione avviene con la centralina collegata e l'accensione inserita. Valore nominale: circa 5 V.

 

Se il valore di tensione non viene raggiunto, occorre controllare l'alimentazione di tensione della centralina e il collegamento a massa in base allo schema elettrico. Se risultano regolari, è possibile che la centralina presenti un guasto.