Lavori di manutenzione del sistema di ricarica

Qui troverete informazioni utili e preziosi consigli su tutti gli aspetti della manutenzione del sistema di ricarica, ad esempio di una Volvo V60 dotata di Eco Start-Stop DRIVe.

Per ridurre il consumo di carburante e le emissioni, sono installati sistemi automatici come il sistema automatico Start-Stop. Esistono diverse versioni e requisiti a seconda del costruttore del veicolo. Per questo motivo, i veicoli sono dotati di alternatori ad alta efficienza con puleggia a ruota libera e di motorini di avviamento con corpo rinforzato per processi di avviamento frequenti. La funzione di avvio/arresto automatico può essere garantita solo se tutti i componenti del sistema di avviamento e ricarica funzionano correttamente.

Importante avviso di sicurezza
Le informazioni tecniche e i suggerimenti pratici riportati di seguito sono stati redatti da HELLA per offrire un'assistenza professionale alle officine. I dati forniti su questo sito web dovrebbero essere utilizzati esclusivamente da personale tecnico specializzato.

 

Componenti del sistema di ricarica: Panoramica

Batteria AGM con sensore batteria

L'abbreviazione AGM sta per Absorbent Glass Mat (AGM) e significa che l'elettrolita di queste batterie è legato in un tessuto di fibra di vetro. Le batterie AGM garantiscono una maggiore affidabilità all'avviamento e all’alimentazione elettrica, sono a tenuta stagna e sono state sviluppate appositamente per veicoli con sistemi start-stop.

 

Un ulteriore sensore intelligente montato sul polo negativo della batteria controlla lo stato della batteria. I valori di misura vengono trasmessi ad un'unità di controllo sovraordinata attraverso l'interfaccia di comunicazione seriale LIN.

Batteria secondaria

Inoltre, in questo veicolo è installata una seconda batteria cosiddetta secondaria. Le batterie secondarie, note anche come batterie tampone o di riserva, supportano l'impianto elettrico di bordo quando il motore è spento. L'alimentazione supplementare è regolata da un'unità di controllo delle batterie e allo stesso tempo impedisce alle batterie di scaricarsi a vicenda.

Alternatore con puleggia a ruota libera

L'alternatore alimenta gli utilizzatori elettrici mentre il motore è in funzione e mantiene la carica della batteria. La potenza dell'alternatore dipende dal regime del motore. La potenza massima dell'alternatore viene generata solo a partire da 2000 giri/min. Nell'alternatore è installato un regolatore di carica, detto anche centralina dell'alternatore. Il regolatore di carica è collegato alla centralina del motore tramite un'interfaccia LIN. L'installazione di una puleggia a ruota libera consente di trasmettere all'alternatore la forza motrice di una sola direzione di rotazione, riducendo in tal modo attrito e usura.

Centralina del motore

In questo sistema, il sistema di ricarica viene controllato in modo intelligente tramite la centralina del motore (ECM). Dal modulo dell'elettronica centrale (CEM), la richiesta della tensione di carica desiderata per la batteria principale viene inviata alla centralina del motore e da qui al regolatore dell'alternatore. La spia luminosa di carica nel quadro strumenti è controllata tramite la rete CAN. Allo stesso tempo, la centralina del motore attiva la batteria secondaria tramite un relè per la ricarica. Il tempo di carica della batteria secondaria viene calcolato dal modulo dell'elettronica centrale e trasmesso alla centralina del motore.

Motorino di avviamento

Lo starter, noto anche come motorino di avviamento, è necessario per avviare il motore a combustione. Gli starter sono motori elettrici che vengono collegati brevemente al motore tramite un pignone durante il processo di avviamento e che lo portano alla velocità di avviamento desiderata. A seconda del dimensionamento, lo starter può assorbire più di cento ampere. Rinforzando i singoli componenti, lo starter è progettato per un numero maggiore di cicli di avviamento per l'intera vita utile

Lavori di manutenzione del sistema di ricarica: Guida

Prima di avviare il test dell'alternatore, si dovrebbero controllare le batterie. Un semplice controllo dello stato di carica può essere effettuato con un comune voltmetro. La tensione di riposo della batteria può essere misurata direttamente sui poli della batteria misurando la tensione. A tal fine, si devono spegnere prima tutti gli utilizzatori elettrici del veicolo. Una buona batteria dovrebbe avere una tensione da 12,4 a 13,2 volt. 

 

Se il valore misurato è inferiore a 12,4 volt, la batteria deve essere caricata e poi controllata di nuovo. Nel caso in cui il risultato dopo la carica sia ancora negativo, la batteria dovrebbe essere controllata con un tester e sostituita se necessario. 

NOTA

Prima dell'effettiva risoluzione dei problemi o della diagnosi, si dovrebbe effettuare un breve controllo visivo dei componenti e della periferica del sistema di avviamento/ricarica nel vano motore.

 

Le seguenti informazioni e gli interventi di manutenzione illustrati di seguito concernono, a titolo esemplificativo, una Volvo V60 dotata di Eco Start-Stopp DRIVe. Possono tuttavia essere applicati anche ad altri modelli di veicolo con sistemi costruttivi analoghi.

Test con un tester batteria

Al fine di valutare meglio lo stato complessivo di una batteria, è consigliabile testare la batteria con un apposito tester, come ad esempio il BPC-TOOL. Dopo poco tempo è possibile richiamare qui informazioni sullo stato di carica (SOC) e sullo stato di salute (SOH) della batteria. Se entrambe le batterie sono in ordine, come nel nostro esempio, si può avviare il test dell'alternatore.

Test dell'alternatore

Controllare prima di tutto lo stato e il funzionamento della trasmissione a cinghia e dei collegamenti elettrici. 

 

Controllare quindi l'alimentazione elettrica dell'alternatore. Collegare un misuratore adatto al morsetto B+ dell'alternatore e alla massa dell'alloggiamento dell'alternatore. Il risultato della misurazione deve essere uguale alla tensione della batteria. Il setpoint è la tensione della batteria con uno scarto massimo di < 0,5 Volt. Se la differenza di tensione è maggiore, il cablaggio deve essere controllato per i punti deboli come le interruzioni o le resistenze di contatto.

 

Alternatore - Controllo della tensione e della corrente di carica
Per misurare la potenza dell'alternatore, utilizzare un misuratore adatto e procedere come segue:

  • Collegare la pinza amperometrica il più vicino possibile al collegamento B+ dell'alternatore
  • Collegare il voltmetro con il morsetto rosso (+) al morsetto B+ dell'alternatore e il morsetto nero (-) alla massa dell'alternatore.
  • Avviare il motore e farlo girare al minimo.
  • Quindi caricare l'impianto elettrico di bordo con circa 40 ampere accendendo alcuni utilizzatori elettrici. Ciò può essere ottenuto, ad esempio, accendendo gli anabbaglianti, la ventola interna, l'impianto di climatizzazione e il lunotto termico posteriore
  • Aumentare il regime del motore a circa 2000-2500 g/min e leggere i risultati della misurazione

 

La tensione di controllo non deve scendere di oltre 0,5 V al di sotto del setpoint (13,7 - 15,0 Volt) e l'amperaggio deve essere superiore al consumo totale di corrente di tutti gli utilizzatori accesi.

NOTA

Per tutti i controlli del sistema di avviamento e di ricarica, osservare le rispettive istruzioni di manutenzione e riparazione del costruttore del veicolo!

Test con il dispositivo diagnostico / diagnosi centralina

Nei veicoli moderni con sistemi di gestione della batteria, a seconda del costruttore del veicolo e del sistema, si possono richiamare diverse funzioni di prova nel veicolo. Nel nostro veicolo di esempio, i guasti che si verificano nel sistema di ricarica vengono registrati nella centralina del motore e nel modulo dell'elettronica centrale nonché memorizzati nella memoria guasti. La diagnosi dell'alternatore può essere effettuata tramite la centralina del motore o tramite il modulo dell'elettronica centrale.

 

Per una diagnosi veloce molti sistemi forniscono i valori di misura digitali anche sotto forma di parametri. I parametri indicano lo stato attuale o i valori di riferimento e reali del componente. In questo esempio vengono richiamate informazioni sul sensore IBS e sullo stato di carica della batteria.

NOTA

Le varie opzioni di diagnosi sono state illustrate prendendo come esempio il dispositivo mega macs 77. La profondità di analisi e la varietà delle funzioni variano a seconda del costruttore del veicolo e dipendono dalla configurazione di sistema della centralina.

Controllo del sistema di ricarica: Video

Servicearbeiten am Radarsensor - Audi Side Assist

In questo video vi mostriamo il controllo visivo prima della diagnosi, il controllo della batteria, il controllo dell'alternatore e come eseguire un controllo con il dispositivo diagnostico mega macs 77.